Il passaporto diventa biometrico, con chip e impronte

Arriva anche in Italia il tecno-passaporto, con tanto di chip che contiene tutte le informazioni necessarie sul viaggiatore incluse le informazioni 'biometriche' e le impronte digitali.

Le caratteristiche del nuovo documento sono illustrate in Gazzetta Ufficiale in un decreto del ministero degli Esteri che spiega come ottenerlo e quali caratteristiche dovra' avere. Ma i nostalgici delle paginette timbrate ad ogni viaggio, da esibire poi agli amici, possono stare tranquilli: si trattera' comunque sempre del solito 'libretto' ma corredato appunto dal chip.

ScreenShot1402.jpg


Ecco le caratteristiche del nuovo documento e come ottenerlo:
COME RICHIEDERLO
La domanda di rilascio del passaporto elettronico e' presentata personalmente dall'interessato, in Italia: nel luogo dove il richiedente ha residenza, domicilio o dimora, alla questura o all'ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza, ovvero, in mancanza di questi, al comando locale dei carabinieri o al comune; all'estero: alle rappresentanze diplomatiche e consolari. Presso il Ministero degli affari esteri e' previsto il rilascio di passaporti elettronici per motivi istituzionali.

LA DOMANDA
Con la domanda l'interessato deve indicare ed autocertificare il nome, il cognome, il luogo e data di nascita, la cittadinanza italiana, la residenza anagrafica, la statura e colore degli occhi, lo stato civile in relazione al matrimonio, lo stato di famiglia, l'eventuale esistenza di procedimenti penali o di condanne penali, nonche' di multe o ammende non pagate relative sempre a procedimenti penali, nonche' l'esistenza di eventuali misure di sicurezza detentiva o di prevenzione, l'eventuale status di fallito, l'eventuale esistenza di obblighi alimentari. Alla domanda devono essere allegate le due solite foto identiche frontali e a volto scoperto, conformi alle modalita' richieste dall'Icao.

REGOLE PER LE IMPRONTE
Al momento della presentazione della domanda verificata l'identita' dell'interessato deve essere acquisita, attraverso la scansione elettronica, l'impronta del dito indice delle mani dell'interessato. Se, in una mano, – spiega il decreto – l'impronta del dito indice non fosse disponibile si utilizzera' per la stessa, procedendo in successione, la prima impronta disponibile nelle dita medio, anulare e pollice. Ove a causa di mutilazioni le impronte siano inesistenti, o per lo stato dell'epidermide le stesse non fossero leggibili, si omettera' l'acquisizione delle impronte.

CHI FORNISCE IL DOCUMENTO
Il passaporto elettronico va ritirato personalmente dall'interessato presso l'ufficio competente, in genere lo stesso che ha ricevuto la domanda. Al momento della consegna, l'Ufficio competente verifichera' il funzionamento del passaporto e l'identita' del titolare attraverso la lettura delle impronte.

VIA A BANCA DATI PASSAPORTI
Il decreto prevede l'istituzione presso il Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell'interno, una banca dati passaporti per finalita' amministrative di verifica dell'esistenza di precedenti passaporti rilasciati alla medesima persona ovvero dei dati del passaporto in caso di denuncia di furto o smarrimento del documento nonche' per consentire le necessarie verifiche in caso di malfunzionamento del chip. La banca dati contiene esclusivamente le informazioni relative ai passaporti emessi in Italia e all'estero. Per ogni passaporto sono registrati nella banca dati tutti i dati identificativi del passaporto stesso e del chip, nonche' le generalita' e la fotografia dell'interessato. Non sono registrate le impronte digitali e dati biometrici da queste derivati sono altresi' registrate le informazioni relative al furto o allo smarrimento del passaporto, nonche' i provvedimenti di sospensione di validita' dello stesso. Gli elementi e i dati biometrici possono essere utilizzati solo per finalita' di verifica dell'identita' del titolare del passaporto.

Fonte:Ansa

Informazioni su PassioneMobile

Siete approdati nel Mondo Mobile e Digitale dove la parola d'ordine è Mobility, dai Telefonini, Smartphone, Pda,Tablet, Gps, Gadgets hi-tech, tutte le novità dal MONDO...MOBILE e non solo!

6 Risposte a “Il passaporto diventa biometrico, con chip e impronte”

  1. Matteo Impellizzeri 15 dicembre 2006 a 12:56

    E’ possibile avere il passporto se si è avuta una condanna penale e la pena è stata scontata?

  2. @matteo salve…decide sempre la questura o all’ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza dove viene presentata la domanda …occorre nell’autocertificazione fare presente dell’eventuale esistenza di procedimenti penali o di condanne penali, nonche’ di multe o ammende non pagate relative sempre a procedimenti penali, nonche’ l’esistenza di eventuali misure di sicurezza detentiva o di prevenzione, l’eventuale status di fallito, l’eventuale esistenza di obblighi alimentari. Alla domanda devono essere allegate le due solite foto identiche frontali e a volto scoperto, conformi alle modalita’ richieste dall’Icao….

  3. Giovanni Brancaccio 16 ottobre 2007 a 10:31

    La mia società (una s.a.s. di cui io ero l’amministratore) è stata dichiarata fallita nel gennaio del 1996. Dopo 10 anni finalmente il fallimento è stato chiuso. Io ho ricevuto una condanna per Bancarotta semplice. In tutti questi hanni non ha mai potuto avere il passaporto.
    Ora dopo tutti questi anni e in virtù del nuovo art.46 del D.lgs. n. 5/2006 che modifica il vecchio art. 49 dal 1942, posso fare richiesta ed ottenere il passaporto?

  4. servono le improte digitali ?

  5. come ottenere un passaporto se si è stati condannati a pene sospese con la condizionale?

  6. come ottenere il passaporto se si ha avuto una condanna penale con la condizionale?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Discover

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

Hortus Closus

Pour vivre heureux, vivons cachés

blog nutrizionista

Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte

ToxNetLab's Blog

Fotografia, Social Media e Web

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: